FONDAMENTI DELLA MAGIA, by Ruben

Domande, consigli e curiosità  per chi vuole migliorare le proprie conoscenze
Avatar utente
ruben
Guru
Guru
Messaggi: 2632
Iscritto il: gio apr 03, 2008 11:39 am
Località: USA e Italia
Contatta:

Re: FONDAMENTI DELLA MAGIA, by Ruben

Messaggioda ruben » ven feb 13, 2009 4:23 pm

IL HECKLER-SAPUTO ROMPISCATOLE

Purtroppo ci sono, esistono e capita che si incontrano quanto meno li aspetti.
Quando avete preparato un finale preparatevi pure per il heckler che dichiara di sapere il vostro segreto. Se dovrebbe capitare, fingete stupiti e chiedete, "vuoi dire che tu puoi imitare questo trucco"? Appena dice si, metti l'attrezzatura nelle sue mani, e dici " fammi vedere"! Dira di certo che non potra fare nulla. Questo lo farà  sembrare scemo e cosi rimani pulito. Devi essere anche attento al heckler che cerca di sorprenderti durante la rutina.
Esempio.
Se hai qualcosa impalmata e lui ti dice " "fammi vedere la tua mano" fai un occhiolino a gli altri, dicendo "qua e dove io mi faccio ricco" direttamente fai a lui una scommessa di soldi (cifra)-"se c'è qualcosa nella mia mano, tu mi paghi" (attenzione-fallo nel tuo modo piu convincente) troverai che poche persone rischiano di essere umiliati. ( tu sai la verità ) Il heckler sa che essere dispari non li conviene.
Lato positivo:
In certi casi (se capita) cio crea confusione, a questo punto vi da una chance di sbarazzarvi del vostro articolo.(il segreto)

In finale:
Esiste sempre la probabilità  che qualcosa non va in porto,o fallisce.
(cardman attenzione)
1. Un force puo fallire
2. Qualcuno insiste a mescolare un mazzo stacked (preparato)
3. L'unica persona che ha visto la carta (se la dimanticata) vie mai capitato? si. a tutti.
A. Quando hai stabilito una rutina, cerca sempre di incorporare una alternativa di uscita.
B. Forza prima la carta; se fallisci, puoi sempre provare un glimps o controllo.
C. Sempre cerca di fare un glimps, anche quando non e necessario.
Ultima modifica di ruben il sab feb 14, 2009 7:23 am, modificato 3 volte in totale.

Avatar utente
Magotoni
Veterano
Veterano
Messaggi: 1858
Iscritto il: sab mag 31, 2008 9:22 am
Contatta:

Re: FONDAMENTI DELLA MAGIA, by Ruben

Messaggioda Magotoni » ven feb 13, 2009 11:30 pm

ottimissimi consigli concordo in tutto e per tutto grazie ruben :) :thumbsup:

Avatar utente
ruben
Guru
Guru
Messaggi: 2632
Iscritto il: gio apr 03, 2008 11:39 am
Località: USA e Italia
Contatta:

Re: FONDAMENTI DELLA MAGIA, by Ruben

Messaggioda ruben » sab feb 14, 2009 7:25 am

E un piacere Magotoni che condivido con tutti.
E per me mi tiene il cervello allenato. La vita e un continuo studio. Aiutiamoci a riempire i buchi.

Avatar utente
ruben
Guru
Guru
Messaggi: 2632
Iscritto il: gio apr 03, 2008 11:39 am
Località: USA e Italia
Contatta:

Re: FONDAMENTI DELLA MAGIA, by Ruben

Messaggioda ruben » dom feb 15, 2009 8:25 am

TECHNICA E INTERESSE

Interesse crescente si chiama (building) costruire.

Nel teatro-scena-scenografia-concerti-t.v. shows-ect. si costruisce interesse aggiungendo piu e piu movimento,colore,suono,luce,persone,intensità ,concentrazione,agitazione. (fateci caso). Qualsiasi di questi fa alzare l'interesse del publico.
Incominci con piccoli effetti, e alla fine fai apparire un elefante. Incomincia in modo silenzioso e finisci con il cannone.
Ricordiamoci cosa ha fatto il grande Houdini,che con un solo e banale gioco di aghi in bocca fece riempire il palco di gente,incluso un dentista che si trovava li-e si e fatto verificare.
Questa e potenza amici miei,questo significa controllare il publico. Sembra esagerato ma e un esempio.
IL (VERO) ARTISTA DI STRADA USA QUESTA TECHNICA.



Attenzione: non usate volontari ad una illusione.

Tutte le rutine:
1. Incrementano l'intensità  dell tuo interesse.
2. Concentrano informazione.
3. Alzano agitazione.
Come la musica va in crescendo, lo dovete fare anche voi,parlando normale e posati,poi in crescendo con voce vivace e sicura,con la vostra rutina e presentazione di giochi.

madols
Maestro
Maestro
Messaggi: 598
Iscritto il: sab nov 17, 2007 11:25 pm
Località: Firenze
Contatta:

Re: FONDAMENTI DELLA MAGIA, by Ruben

Messaggioda madols » dom feb 15, 2009 11:55 am

ho una proposta:

dato che questi post di ruben sono veramente interessanti perchè non proviamo a riscriverli meglio e pubblicarli nella rivista che faremo di magicschool?
when the impossible becomes possible...

Avatar utente
Mago alex
Maestro
Maestro
Messaggi: 579
Iscritto il: mer nov 21, 2007 4:17 pm
Località: Padova
Contatta:

Re: FONDAMENTI DELLA MAGIA, by Ruben

Messaggioda Mago alex » dom feb 15, 2009 6:23 pm

e vero hai ragione magari ogni numero una cosa diversa dell'idea XXsmoker.gif
Alessio Signoretto!!
La magia non è ciò che faccio ma ciò che sono.

Avatar utente
ruben
Guru
Guru
Messaggi: 2632
Iscritto il: gio apr 03, 2008 11:39 am
Località: USA e Italia
Contatta:

Re: FONDAMENTI DELLA MAGIA, by Ruben

Messaggioda ruben » mer feb 18, 2009 11:34 am

THE TOUCH

Nel gergo teatrale significa IL TOCCO

Qualsiasi articolo di presentazione che crea una forte impressione si chiama (il tocco), e cio indica che tu provvedi a una seconda domistrazione.
Il tocco puo essere un affare, un prop, una frase o inflessione. Puo essere comica, o drammatica. Si usa per chiarire un punto, introdurre suspence, e costruire atmosfera che va adattato al tema.
E da ricordare che il tocco non va usato come un GAG (battuta) per fare ridere.

Avatar utente
glaucopide
Studente
Studente
Messaggi: 466
Iscritto il: ven ago 15, 2008 10:03 am
Località: PD-Padova
Contatta:

Re: FONDAMENTI DELLA MAGIA, by Ruben

Messaggioda glaucopide » mer feb 18, 2009 12:01 pm

ruben ha scritto:THE TOUCH

Nel gergo teatrale significa IL TOCCO

Qualsiasi articolo di presentazione che crea una forte impressione si chiama (il tocco), e cio indica che tu provvedi a una seconda domistrazione.
Il tocco puo essere un affare, un prop, una frase o inflessione. Puo essere comica, o drammatica. Si usa per chiarire un punto, introdurre suspence, e costruire atmosfera che va adattato al tema.
E da ricordare che il tocco non va usato come un GAG (battuta) per fare ridere.

scusa non ho ben capito cosa intendi con tocco :o mi faresti un esempio? :p
"Non separarti dalle illusioni. Quando se ne saranno andate, può darsi che tu ci sia ancora, ma avrai cessato di vivere." Mark Twain

"Nulla è più facile che illudersi. Perché l'uomo crede vero ciò che desidera." Demostene

Avatar utente
ruben
Guru
Guru
Messaggi: 2632
Iscritto il: gio apr 03, 2008 11:39 am
Località: USA e Italia
Contatta:

Re: FONDAMENTI DELLA MAGIA, by Ruben

Messaggioda ruben » mer feb 18, 2009 6:53 pm

Glaucopide-il tocco
Qualsiasi (prop) articolo che rende una momentanea impressione alla rutina. Puo essere anche una mossa.
Supponiamo che fai un cut-restore di cordao filo.Hai uno spettatore alla destra e sinisrta che mantengono le estrmità  mentre tu hai in pugno la parte risanata, tu dici "allentatemi la corda" dopo di che ti inumidisci il pollice e le dita prima di riaggrappare la corda e mostrarla risanata,questo e considerato un tocco. Il tocco annuncia
che tu provedi per una seconda dimostrazione. Qualcosa che si aggiunge alla rutina per arricchire la presentazione di un gioco.

Avatar utente
Mago alex
Maestro
Maestro
Messaggi: 579
Iscritto il: mer nov 21, 2007 4:17 pm
Località: Padova
Contatta:

Re: FONDAMENTI DELLA MAGIA, by Ruben

Messaggioda Mago alex » mer feb 18, 2009 7:31 pm

solo un chiarimento per vedere se ho capito bene come per esempio prendere "la polvere magica" per far saprire una moneta per esempio ma io nn lo intendo come gesto di distrazione ma come gesto coreografico ...
ho piu o meno capito ???
Alessio Signoretto!!
La magia non è ciò che faccio ma ciò che sono.

Avatar utente
ruben
Guru
Guru
Messaggi: 2632
Iscritto il: gio apr 03, 2008 11:39 am
Località: USA e Italia
Contatta:

Re: FONDAMENTI DELLA MAGIA, by Ruben

Messaggioda ruben » gio feb 19, 2009 7:24 am

Si Alex esatto. Anche quando adesempio si usa un BLINDFOLD x aggiungere una convinzione e il publico lo accetta come prova che tu non puoi vedere, un pezzo di prop magari trasformato in modo strano,e una sorte di extra introduzione. Anche le parole di un speech possono essere tale.Un gesto spontaneo non previsto,parole melodramatiche, e questo avviene anche al momento del climax dove e la parte piu importante. e con cio cade nella parte di arricchire la rutina. Ne ho parlato prima.

Avatar utente
glaucopide
Studente
Studente
Messaggi: 466
Iscritto il: ven ago 15, 2008 10:03 am
Località: PD-Padova
Contatta:

Re: FONDAMENTI DELLA MAGIA, by Ruben

Messaggioda glaucopide » gio feb 19, 2009 10:01 pm

grazie ho capito :D :thumbsup:
"Non separarti dalle illusioni. Quando se ne saranno andate, può darsi che tu ci sia ancora, ma avrai cessato di vivere." Mark Twain

"Nulla è più facile che illudersi. Perché l'uomo crede vero ciò che desidera." Demostene

Avatar utente
ruben
Guru
Guru
Messaggi: 2632
Iscritto il: gio apr 03, 2008 11:39 am
Località: USA e Italia
Contatta:

Re: FONDAMENTI DELLA MAGIA, by Ruben

Messaggioda ruben » dom feb 22, 2009 5:35 pm

VARIETA'
( da non confondere con il gergo teatrale)

Si parla della performance, varietà  e una fase del shomanship quasi spersa, non tutti la usano e la conoscono. Varieta non deve essere tanto notata (per dire) ma ogni sua azzione deve essere diversa dall'altra.

ESEMPIO:
Buon shomanship richiede che anche i colori si variano uno con l'altro. Usiamo i fazzoletti(silks) di cui colori si devono contrastare, nello stesso tempo dando un incremento vivido ad un effetto climatico. Non ha un gran significato, pero avere un po di variazioni di diverse grandezze di fazzoletti(silks) aggiunge interesse. Se per esempio i silks sono di 16 inches (colori variati) usate un silk di 24 inches di colore viola,piccolo di 8 inches rosso,e finite con un streamer di magenta tra 8 e 10 feet di lunghezza.

Certe volte capita di ripetere un effetto per mostrare che il primo risultato non sia stato di pura fortuna. Ma anche in questi casi, cerca di variare la presentazione.

Ecco dove molti non sanno: E banale (ma).
Per esempio: La tripla ricezione e molto diffusa.
Vi spiego:
Se fai una cosa piu di una volta, dovresti farlo ben tre volte. Cosi se strappi un pezzo di carta, fai esattamente tre strappi. questo e un fattore psicologico nella nostra mente in particolare quella dell publico. Fare delle cose tre volte crea un effetto climatico, facendolo quattro volte crea una noia.. La ripetizione multipla si usa anche durante una continua gag, commedia.
Ultima modifica di ruben il lun feb 23, 2009 7:47 am, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Mago.Juz
Veterano
Veterano
Messaggi: 1363
Iscritto il: mer feb 18, 2009 3:04 pm
Contatta:

Re: FONDAMENTI DELLA MAGIA, by Ruben

Messaggioda Mago.Juz » dom feb 22, 2009 9:40 pm

ora che ci penso, nel caso del filo tagliato io lo ho sempre fatto 3 volte senza accorgermene, e così per la corda e il foulard
GHILLI GHILLI GHILLI GHILLI

Subscribe
http://www.facebook.com/group.php?gid=1 ... 7839462346

Avatar utente
ruben
Guru
Guru
Messaggi: 2632
Iscritto il: gio apr 03, 2008 11:39 am
Località: USA e Italia
Contatta:

Re: FONDAMENTI DELLA MAGIA, by Ruben

Messaggioda ruben » mar feb 24, 2009 8:00 am

MONOTOMIA

Monotomia e il nemico dell'interesse.
Per il Cardman:
Quando tu disuadi interese in un false shuffle facendo il resto dei shuffle uguali e leali, non fai altro che nascondere la technica. Si dovrebbe chiamare all' attenzione dell'esistenza di un shuffle leale, fissando gli occhi sulle carte durante il miscuglio.

Il Misdirection Ottico:
Si usa quando fissiamo gli occhi del publico a un punto per non farli focalizzare ad un altro.
1. Deviamo l'attenzione da un stratagemma quando lo focalizziamo su una fonte di informazione nella rutina.
2. L'attenzione si distrae quando si dirige su qualcosa al di fuori della rutina.

Deviazione e solo una forma intensificata di quello che fa un buon showman facendo focalizzare l'informazione.

MOVIMENTO

Come metodo per nascondere.
Movimento attira l'attenzione ma diminuisce la visibilità .
Esempio:
Il filo invisibile.
Quando si usa un filo per mantenere un oggetto leggero lo si puo vedere a distanza anche quando lo sfondo e simile. Pero il piu leggero movimento lo rende invisibile,lo fa sparire. Un grande movimneto si puo usare per nascondere uno piccolo.
Usare il controllo come stratagemma quando si riesce a controllare l'attenzione automaticamente si provede ad una forte misdirection cosi creando una forte illusione. Nessun altro stratagemma e necessario.


Torna a “Principianti”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite